PARTE DA BRESCIA LA SOSTITUZIONE MASSIVA DEI NUOVI CONTATORI SMART

24 Jul 2020

“… prepariamo la città ad un futuro sempre più sostenibile…”

 

Brescia, 24 luglio 2020 - Unareti, la società del Gruppo A2A che gestisce i servizi di distribuzione di energia elettrica e gas, si appresta a varare il piano per la messa in servizio dei nuovi misuratori smart dell’energia elettrica.

Da lunedì 27 luglio il piano partirà dalla città di Brescia: complessivamente, nel territorio bresciano, è prevista l’installazione di 230 mila contatori “2G” di ultima generazione (di cui 118 mila in città), che garantiranno nuove funzionalità e migliori prestazioni, in sostituzione degli attuali “1G” monofase (la stragrande maggioranza) e trifase.

La prima parte del piano, come detto, interesserà la città di Brescia e si svolgerà tra il 2020 e il 2021.

Successivamente, a partire dal 2021, il piano comprenderà 45 Comuni della provincia con un impegno che proseguirà fino al primo semestre 2022: Rezzato, Botticino, Serle, Nuvolento, Limone del Garda, Tremosine, Tignale, Magasa, Valvestino, Paitone, Prevalle, Nuvolera, Mazzano, Gavardo, Villanuova sul Clisi, Roè Volciano, Vobarno, Sabbio Chiese, Barghe, Vestone, Idro, Lavenone, Bagolino, Anfo, Mura, Capovalle, Pertica Bassa, Pertica Alta, Odolo, Preseglie, Agnosine, Bione, Casto, Provaglio Val Sabbia, Treviso Bresciano, Vallo Terme, Salò, Gardone Riviera, Toscolano Maderno, Gargnano, San Felice del Benaco, Puegnago del Garda, Manerba del Garda, Polpenazze del Garda, Muscoline

Un piano che risponde alle specifiche funzionali definite dall’Autorità di Regolazione per l’Energia Reti e Ambiente (ARERA) con la delibera 87/2016/R/eel adottata in attuazione delle disposizioni del d.lgs. 4 luglio 2014, n. 102 di recepimento della direttiva europea 2012/27/EU in materia di efficienza energetica e di miglioramento per l’intero sistema elettrico nazionale. Tale piano è stato approvato con specifica deliberazione nr. 278/2020/R/EEL del 21/07/2020.

I nuovi contatori sono apparecchi di ultima generazione “smart meter 2G”, che consentono un più efficace ed efficiente monitoraggio dei consumi di energia elettrica delle famiglie e delle imprese, facilitandone così la gestione. I nuovi misuratori aiutano a migliorare la consapevolezza del cliente sui propri consumi per una maggiore efficienza energetica e un uso più razionale delle risorse.

 

Come avverrà il cambio

La prima parte del piano di sostituzione massiva, che prevede la sostituzione di circa 43.000 contatori siti in stabili di 438 vie di Brescia afferenti ai CAP 25124, 25127 e 25128, partirà in città da lunedì 27 luglio e proseguirà fino alla fine di ottobre 2020.

In questo periodo i cittadini coinvolti hanno ricevuto una lettera informativa da Unareti e nei giorni scorsi, negli stabili dove è prevista l’installazione, sono stati affissi gli appositi avvisi di sostituzione.

Le attività saranno coordinate da Unareti, ma svolte da imprese specializzate scelte in base a principi di professionalità e serietà.

Ricordiamo che tutti gli interventi e le operazioni saranno svolti in forma gratuita e che nessuna somma di danaro dovrà essere corrisposta.

Per riconoscere gli operatori incaricati, al fine di evitare truffe, sono stati attivati i numeri di telefono antifrode presenti su tutti gli avvisi grazie ai quali sarà possibile verificare la corrispondenza del nominativo sul tesserino di riconoscimento che ogni operatore indosserà.

Se il cambio non dovesse andare a buon fine il cliente potrà fissare un nuovo appuntamento personalizzato contattando l’impresa tramite i riferimenti presenti nella cartolina di mancata sostituzione per cliente assente che, se identificabile, sarà lasciata in casella postale o sotto la porta di casa.

Ai clienti che presenzieranno al cambio sarà rilasciata una ricevuta di sostituzione, mentre il manuale d’istruzioni del contatore sarà inserito in un’apposita tasca posta sul contatore stesso.

Qui puoi trovare il manuale del contatore disponibile anche in lingua inglese insieme a un decalogo in 6 lingue straniere: inglese, spagnolo, cinese, arabo, rumeno e francese.

 

 

Indietro